MaraToon

Ho già parlato di Marathon nella parte del blog, a cui vi rimando (più che altro per non spiegare tutto due volte…)

Marathon, dicevo. La cosa interessante sia nel rilascio del terzo capitolo, Infinity, sia col successivo rilascio del motore del secondo capitolo come open source, è la possibilità per ogni tipo di fan di diverstirsi e partecipare a modo proprio. Sai programmare? Ecco Aleph One, Shapefusion e Weland, la versione modernizzata degli strumenti per creare livelli e scenari nuovi. Sai raccontare storie? Bene, avere una storia (più contorta, meglio è) è uno dei requisiti più desiderati nella creazione di nuovi scenari completi. Sai disegnare? Salve, eccomi qua. Questo è adatto a me.

Ora, Marathon appare circa così a chi si approccia al terzo capitolo (Infinity) senza plugin che ne modificano l’aspetto o la risoluzione:

Questo è un livello che ho costruito apposta per testare i miei esperimenti grafici, con l'aspetto di default e i vari mostri con un flag che li fa rimanere inattivi. In questo modo riesco a capire cosa c’è da mettere a posto senza le inevitabili sparatorie dei livelli standard.

Torniamo al 2020, annus horribilis per una moltitudine di persone, latore per ragioni ben note di un lungo periodo di quarantena in cui volenti o nolenti ci si è trovati a dover stare chiusi in casa senza uscirne di senno. Tra cui la sottoscritta.

Chiacchierando nel Discord dedicato, ancora intensamente frequentato nonostante Marathon sia sempre stato una nicchia nella nicchia (sebbene molto attiva), salta fuori un gioco di parole coniato da Pfhorrest, utente veterano nonché collaboratore della Bungie di quei tempi: Maratoon.

Immagino sappiate che in inglese ”toon” è l’abbreviazione di Cartoon, ovvero cartone animato. E ho avuto uno dei miei ormai rari momenti in cui mi son detta: because I can. Un sacco di sprite set e textures e un altro sacco di listati accorpati in una serie di plugin dopo, Marathon Infinity appare così:

Non è tutto più puccetto? Comunque schiattano male lo stesso.

(Prima o poi mi butterò anche sul primo capitolo della saga, che tre anni fa per ragioni tecniche non era moddabile così facilmente come lo sarebbe adesso.)

Oppure, se siete di quelli a cui è piaciuto Antichamber, così:

Bianco. E nero. Ma soprattutto bianco.

(Ok, ok, ammetto che quest’ultimo è un esperimento fatto su una parte di un unico set di texture.)

Per dare un’idea, questo qua sotto è uno sprite set di media grandezza (il guerriero Pfhor base). Di sprite set ce ne sono suppergiù una cinquantina.

Lo spriteset del guerriero pfhor base (movimenti, attacchi e... decessi più o meno splatterosi

Originali, e versione cartoneanimatosa. Ho usato come base non questi originali ma la serie di immagini ridimensionate disponibili in un altro plugin.

Il tutto fatto, come per tutti i miei progetti disegnati al PC, su Krita.

Comunque, se volete conoscere e giocare a Marathon vi rimando al post sul blog apposito, mentre per scaricare il necessario per la Toon version vi rimando al sito di Simplici7y (il quale a sua volta rimanda a uno dei miei Google drive, perché per ragioni di gestione ho dovuto suddividerli) e… Benvenuti su MaraToon!